sabato 26 settembre 2009

Volontà di Dio e volontà nostra


21/9 13,51

*Aiutaci Gesù a considerare ogni accadimento come espressione della tua volontà perfetta d'amore. In special modo tutto ciò che non gradiamo.

- Voi siete soliti esprimere sempre un giudizio davanti a tutto ciò che vi accade, il cosiddetto "quel che è", come se fosse possibile cambiarlo, questo vi provoca maggior disagio e sofferenza, quest'ultima poi è del tipo di quelle che purtroppo ostacolano il vostro percorso di accettazione della mia volontà.

Quindi prima cosa da fare è non gudicare ciò che vi accade, poichè, voi spesso non ci pensate, ma essendo volontà mia voi giudicate il mio operato.
Infatti se ogni cosa che accade è voluta e/o permessa da me (Dio uno e trino), se la giudicate non buona, indica la vostra scarsa fede.

Vi rendete conto che giudicate me nelle cose che non accettate?

Voi pensate: questa cosa che mi accade non mi è gradita, perchè mi deve accadere, perchè è così brutta?

Forse non riflettete su quel che fate ma ora è tempo che cominciate a farlo.

Ogni cosa che accade è parte di un progetto divino che regge tutte le cose, quindi se io permetto qualcosa che appare sgradita (pesante, insopportabile) al vostro giudizio, imparate a non giudicarla più in tal modo.

Adoperatevi invece a ringraziarmi per l'amore infinito che metto in ogni cosa ed anche se non la comprendete, accettatela con fede.

Io so perchè permetto una malattia, una morte, un disagio, so che vi sarà utile, in modo perfetto scelgo la cosa migliore, nel momento di vita che state attraversando, che vi faccia guadagnare meriti, crescita davanti a me e quindi vi faccia conquistare la vita eterna.

* Come posso dire, anzichè esprimere il mio giudizio, quando mi trovo lì nel momento della situazione di vita che dà sofferenza?

- Dì queste parole:

    " GRAZIE SIGNORE DI QUANTO VUOI PER ME IN QUESTO MOMENTO, IO CREDO CHE OGNI COSA SIA BUONA POICHE' TU SCEGLI SEMPRE E SOLO IL MEGLIO PER ME"


........................................................

Nessun commento:

Posta un commento