domenica 13 ottobre 2013

Abitudini


Le abitudini sono difficili da eliminare, come debbo fare Gesù? 
  • Quando si presentano le riconosci, ma le puoi scovare facendo un attento esame, con calma, silenzio e seguendo un proprio tempo interiore diverso da quello esterno, infine usando il muro di separazione dal proprio io [calcolo personale, razionalità, marasma di pensieri (pressati da esigenze ed ansie varie)]
Circa la loro ripetitività cosa puoi dirmi o mio caro Gesù?


  • Questa non è una delle abitudini che ti affliggono in forma propria ma più che altro è una modalità delle stesse. In riguardo ad essa posso dirti che esse si ripeteranno fin quando non le avrai eliminate del tutto. In ogni abitudine la tua difficoltà è data dal fatto che sei tutto preso da te stesso quando si mette in atto il meccanismo della ripetizione e tu non hai neanche il tempo di accorgerti del suo verificarsi, se non dopo che sia accaduta. Come modalità il lavoro dovrà essere fatto con piena lucidità e forza di volontà, ma non basta, necessita il tuo pieno abbandono a me, il tuo annullamento, con fede cieca jn me, l’azzeramento dei tuoi desideri, delle tue curiosità, dei tuoi sogni, ti basto solo io.
Come sei caro o mio Signore.
  • Devi diventare come un bimbo che si affida al suo papà ed alla sua mamma aspettando da loro oltre che affetto, amore e protezione, tutto quello di cui ha bisogno “senza preoccuparsi d’altro” infatti sono proprio queste (ansie, timori, paure ecc. oltre che interessi che non hanno come scopo primario la mia gloria, non sono cioè “per Cristo, con Cristo ed in Cristo [come si recita durante il sacrificio eucaristico ( la santa messa)] che lo distraggono alla fine.

Signore ma questo è il cammino della della santità!

  • Certo cosa credi che tu debba fare diversamente anche per “piccole, grandi cose”? 

Lo so, me lo fai capire ogni volta che mi parli. 

  • Infatti, quello che ti dico riconduce sempre allo stesso comportamento ma non ne esiste un altro poiché la strada è una anche se con mille sfaccettature che la fanno sembrare diverse
Le cose che mi dici mi sorprendono sempre per la loro precisione e per la grazia amorevole che solo tu sai darmi.  Ora sento tutti presenti accanto me, oltre, Maria Santissima, il mio angelo custode che io chiamo “lorenz” (tu sai perché), i miei parenti defunti, gli angeli ed i santi tutti, oltre le anime buone umane (mistiche, sante) o spirituali come quelle buone e deputate da te a tale lavoro di assistenza, protezione e sorveglianza. 

continua

Nessun commento:

Posta un commento