sabato 6 giugno 2015

Come potenziare la percezione della presenza di Gesù



La sofferenza ci fa sentire Te, Gesù, più vicino, più presente.

  • In realtà il mio contatto con voi non cambia, ma siete voi che col dolore abbassate molte delle difese/barriere del vostro ”ego”,  per cui in tutta umiltà ed annullamento percepite più fortemente Ia Mia presenza.
Vuoi dire che soffrire è un po' morire ma anche rinascere come persone nuove in Te, Gesù mio?
  • Si, dici bene, solo attraverso Ia croce/sofferenza, vista più che altro come l'accettazione del vostro vivere quotidiano con le sue molteplici avversità, vi tempra, vi addolcisce, vi rende più capaci di percepire Me e quindi di amare.


L'amore è cieco, ma sa camminare



Il cuore che ama non pensa prima di agire perché sa che se lo facesse Ia sua azione verrebbe bloccata o limitata dalla mente. Chiude gli “occhi” e si lancia a capofitto facendo tutto quello che percepisce essere cosa buona. 
  • E' vero, ciò accade perchè si attua un abbandono alla mia iniziativa, quella che vi porta ad agire con tutte le virtù della carità nella gentilezza, dolcezza e premura di far il bene maggior per la persona amata.


Luce e risonanza


Quando il Signore ci illumina sulle verità essenziali della vita, già da Lui espresse nelle sacre scritture, può ispirarci, stimolando la nostra capacità intuitiva oppure può perfino farci entrare in “risonanza” con il significato stesso di quei contenuti “eterni” che vuole metter in risalto in noi per portarli ad un livello di consapevolezza più elevato di quello che per essi abbiamo raggiunto.

Cosa significa ciò? Significa che vuol farci “crescere” più in fretta, infatti la “risonanza”, attraverso la forte consapevolezza “nutre” la nostra persona di un particolare cibo spirituale (la parola:verbo) che una volta assorbito, nel modo qui descritto, diventa parte di noi stessi. Poi saremo un po' più cresciuti e penseremo ed agiremo sulla base di questa sopraggiunta crescita spirituale.

Soffrire con Te Gesù




Quando la vita ci presenta momenti difficili per le nostre forze, si ricorre a Te, Signor mio, e come sempre Ia Tua risposta arriva a dimostrare il Tuo immenso amore per noi, comprendere Ia Tua volontà non è facile, il problema, a volte, non scompare ma ci dai sempre Ia possibilità di coesistere con esso e di sopportare Ia sofferenza che esso provoca. Poi nei Tuoi tempi ed a modo tuo Ia cosa si risolve, nel modo migliore per noi, per la nostra anima ed il nostro corpo, anche se solo col nostro tempo lo riconosciamo, dacci sempre Ia lucidità di saper fare le azioni giuste per arrivare a tale momento con Ia Tua pace nel cuore.