martedì 8 dicembre 2015

La bolla del vivere

Viviamo in una bolla che delimita il nostro modo di essere, spesso basato sul desiderio di provare gusto nelle cose che incontriamo, nei vari momenti del nostro vivere.

Egoismo o, peggio ancora, egocentrismo, inteso come la pienezza del sé, non ci permettono affatto di vedere più in là della nostra bolla.

Amiamo o meglio crediamo di amare, forse ci dedichiamo pure al prossimo del nostro tessuto sociale (vicinato, parrocchia, rione, città), spesso per placare lo scrupolo del nostro finto e limitato modo di amare, ma spesso non ci accorgiamo della nostra coscienza che ci dice che dobbiamo prima amare i componenti della nostra famiglia: genitori, coniuge, figli, fratelli o sorelle con cui forse non parliamo più o forse trattiamo male per ripicche personali passate, a causa delle quali ci riteniamo "giudici" insindacabili.

No, il Signore vuole amore senza giudizi, compromessi e/o condizioni, fatto di misericordia, quindi compassionevole. Mai arrogandosi il diritto di andare oltre la sua legge, in ogni situazione, credendo perfino di stare nel giusto.

A volte passiamo molti anni in questa bolla, senza scrutare dentro di noi, nel nostro profondo, in tutta sincerità con noi stessi, per scovare tutti gli scheletri del nostro armadio, i perdoni non concessi, le tante presunzioni di stare nel giusto nelle nostre prese di posizione, convinzioni di aver agito bene in tante circostanze, pur se dentro di noi una vocina ci ha sussurrato che non stavamo pienamente nel giusto e solo soffocando la nostra coscienza siamo riusciti ad andare avanti, evitando di sentirne il peso.

Allora autosserviamoci profondamente, col cuore in mano, in estrema sincerità e rompiamo questa bolla finalmente, per vivere con cuore puro e senza alcuna ipocrisia, come riuscire a farlo?

Basta eliminare ogni cosa nascosta, perché solo le cose fatte con amore, non hanno bisogno di esser celate, quindi se non ci sentiamo in grado, per alcune, di svelarle, ecco che capiremo con certezza quali sono i nostri scheletri.

Nessun commento:

Posta un commento