venerdì 19 febbraio 2016

Quando il Signore chiama

Quando parlo con Te, mio Signore, ho l'impressione che anche quello che dico io mi sia suggerito da Te e quindi alla fine, non mi pare un colloquio il nostro, ma sembra che sei solo tu a parlare, a dirmi innumerevoli cose, per cambiar il cuore mio e l'anima mia nascosta nel tuo cuore.

Quello che scrivo lo percepisco come presente in me, ma grazie allo Spirito Santo, lo prelevo come da un contenitore (la mia anima, al centro del mio cuore, dove stai Tu), dove tu metti tutto quello che mi comunichi, quello piu' inerente l'argomento che trattiamo, poi la mia mente sempre con la luce divina cerca di tradurre in parole quanto ho attinto dal mio cuore.

Solo con la luce dello Spirito Santo accade tutto ciò e quando mi faccio distrarre dal mondo e non sono con Te, ne soffro, ma tale sofferenza non basta ad evitare che io mi continui a distrarre, come mai non riesco ad evitarlo?
Mi rendo conto che dovresti isolarti totalmente dal mondo per riuscirci meglio, ma non sei ancora in grado di farlo.

Aiutami Signor mio, senza di Te non sono nulla.
Pian piano azzera in te il mondo che conosci, le cose che facevi prima, le cose che ti piacevano, le cose che amavi fare, mangiare, bere e così via, effettua un totale cambiamento e rinnovamento e ci riuscirai.

Come e' possibile che la mia mente continui a far altre cose e non a correre da Te pur se sa che tu sei tutto?
Essa ha modi consolidati di vivere, per inerzia e risparmio di energia, ricorre ad essi per vivere senza pensarci troppo su.

Quindi non sono solo i desideri a guidarmi sul cosa fare, ma la pigrizia e l'egoismo del mio io. Vorrei fare solo le cose che mi suggerisci Tu e vivere solo come vuoi Tu, che sei amore infinito e perfetto, aiutami.
Lo sto già facendo, ma tu abbandonati a me e lascia fluire in te piu' scorrevolmente ciò che Io ti comunico.

Se ricordi ieri ti avevo chiesto proprio questo, quello cioe' di essere più in diretta comunicazione con Te, ma non ci son ancora riuscito finora. Perché?
La risposta risiede nelle mille difficolta' che son presenti nella tua vita.

Allora aiutami ad eliminarle tutte. Dimmi come posso fare ad annullarmi un po' alla volta, perché mi rendo conto che questa è la strada che porta diritto a te, poiché è il mio io che si frappone tra la mia anima e Te.
Si, il suo annullamento, quello che io chiamo la morte a te stesso è la strada.

Dimmi come fare per iniziare da subito, lo desidero tanto, perché desidero immensamente Te.
Fa che sia il tuo amore per Me a guidarti a Me, amami, amor mio, sempre, sempre di più e ci riuscirai, ama il prossimo tuo e ci riuscirai, perché facendo così, incontri veramente Me, ogni volta, in esso sono Io che aspetto che tu mi ami.

Pur desiderando amar Te, questa cosa non mi riesce tanto facilmente, perché?
Perché non ti è facile vedere Me in loro. Per poterlo fare dovresti sempre tenere a mente le mie parole.

Io purtroppo non ho una buona memoria.
Non dipende da quello, dipende dal tuo grado di sensibilità della mia presenza in essi.
Aiutami allora ad aumentarla.
E' quello che stiamo facendo coi nostri colloqui.

Nessun commento:

Posta un commento